Bruxismo
Postura..questa sconosciuta!

La postura è il nostro modo di essere, come noi siamo e come ci muoviamo nell'ambiente.

Questo vuol dire che è data da 2 fattori:

a) Dalla nostra struttura fisica

b) Dalla nostra struttura psicologica

Quindi noi stiamo e ci muoviamo in base alla forma del nostro corpo, più o meno alto, robusto, elastico, con i muscoli più o meno potenti e con le articolazioni più o meno libere.

Ma anche e soprattutto in base e come ci sentiamo nell'ambiente in cui viviamo, come ci interagiamo, come lo accettiamo o lo subiamo.

Il nostro corpo avrà un atteggiamento diverso se il nostro carattere è aggressivo o remissivo, se siamo in posizione dominante, di sicurezza o subalterna, di incertezza.

Sino a poco tempo fa lo studio della postura era appannaggio degli ortopedici poi c'è stato un grande interessamento di altre figure sanitarie (osteopati, chiropratici, etc), in quanto può dare una quantità incredibile di informazioni sul funzionamento del nostro corpo sia dal punto di vista strutturale sia da quello delle patologie e disfunzioni dei vari organi ed apparati, anche non direttamente implicati nella postura.

Un classico esempio è la colite che si manifesta con dolore alla regione lombosacrale: l'esame posturale evidenzierà una rigidità lombare antalgica in assenza di segni di sofferenza delle strutture ossee.

Il controllo posturale è garantito dal sistema nervoso centrale, il quale si avvale un sistema recettoriale esempio: quelli della pianta del piede, quelli cutanei, tendinei, muscolari, articolari, apparato vestibolare dell'orecchio, occhi, recettori desmodontali (recettori paradontali che controllano la pressione durante la masticazione).

Non esiste una graduatoria di importanza tra i recettori, in quanto il SNC è in grado di estrapolare dall'infinità di dati che riceve quelli che gli occorrono per ottenere la miglior postura possibile.

É molto importante invece considerare il corpo come un'unica unità funzionale   sapere inoltre come e dove sono inseriti  il primo e l'ultimo anello, quindi piedi e bocca.

La bocca è stata inventata dalla natura per introdurre gli alimenti (aprendosi) e fare in modo che non uscissero (chiudendosi).

Lo schema motorio del cervello è ”vai e prendi“ ovvero gli occhi o l'olfatto hanno visto o sentito, la mano si è protesi in avanti, la testa si volta dalla stessa parte della mano così come la mandibola e la bocca pronta ad ingerire.

Se ci troviamo però in presenza di una malocclusione per il sovrapporsi dei denti, ad esempio, la mandibola sarà costretta a ruotare in un'unica direzione quando si chiude, il cervello manterrà attivo il programma vai e prendi e noi ci ritroveremo avvitati su noi stessi, con una gamba avanti ed una indietro.

La bocca può influire sulla postura con diversi meccanismi :

1) Deviazioni della mandibola in chiusura:

  •  Morso incrociato
  •  Precontatti dei denti da un lato.

2) Contatti sugli incisivi:

  • Malocclusioni
  • Contatti non corretti dei posteriori facendo slittare la mandibola in avanti
  • Cure odontoiatriche non corrette

3) Modifiche della dimensione verticale:

  • Morso profondo
  • denti posteriori mancanti
  • Ortodonzia non corretta .

4) Disfunzione linguale:

  • Denti mancanti
  • Morso aperto (spinta della lingua, ciuccio, suzione del pollice)

Va da sé che uno di queste problematiche può essere spesso una causa di un difetto posturale. 

Concludendo credo sia molto importante controllare ed eventualmente curare ogni distretto o “anello” del nostro corpo non dimenticando che l'uomo non è stato costruito a compartimenti stagni, ma interagenti, quindi nessun problema può essere visto solo nel distretto in cui si presenta ma sull'intera globalità.